IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Interviste

Alessio Di Chirico, dal football al professionismo delle MMA

Alessio Di Chirico MMA FEN Warclaw

Il mondo del football è pieno di storie uniche, storie di quelle che, purtroppo, praticamente nessuno conosce. Una di queste è quella di Alessio Di Chirico, ex-giocatore dei Grizzlies Roma che oggi, a distanza di pochi anni dalla sua ultima partita di football americano, è diventato a tutti gli effetti un professionista della MMA (Arti Marziali Miste).

Chi è Alessio Di Chirico 73546_1706536145570_7467919_n

Nato il 12 dicembre del 1989 (25 anni), Alessio è uno di quegli atleti che vive e vivrà sempre per lo sport. Silenzioso, deciso e, sopra ogni altra cosa, fedele ai propri principi di vita, Alessio si è sempre distinto per la sua attitudine, costanza ed impegno. Chi ha potuto lavorare con lui ce lo ha sempre descritto come un giocatore affidabile; i suoi compagni di squadra, invece, come un amico unico e un assoluto modello di dedizione.

Dopo aver militato nei già nominati Grizzlies Roma dal 2008 al 2011, per i quali ha giocato prevalentemente nella posizione di TE, alla quale è seguita una breve parentesi di Flag Football con i Raiders Roma, è nel 2013 che Alessio ha iniziato a combattere con la Hung Mun. Attiva dal 2006 (anche se la nuova palestra ha aperto nel 2010), la palestra romana è famosa per essere una delle migliori accademie italiane per quanto riguarda le arti marziali miste.

I Successi di Alessio

Da quando è salito la prima volta su un ring sono stati davvero moltissimi i successi ottenuti a livello italiano ed internazionale; alcuni di questi, davvero, ma davvero importanti. Vediamoli di seguito:

Alessio Di Chirico MMA FEN Warclaw1° classificato al Trofeo Warrior 80 Kg;
1° classificato II Coppa Italia FIGMMA 84 Kg;
1° classificato II Campionato italiano FIGMMA 92 Kg;
1° classificato III Coppa Italia FIGMMA 92 Kg;
1° classificato IV Campionato italiano 100 Kg;
Membro nazionale FIGMMA 2012;
Capitano Nazionale FIGMMA 2013;
2° classificato Europei Ungheria FILA amateur MMA;
2° classificato Mondiali FILA Canada (argento);
Capitano Nazionale IMMAF 2014;
1° classificato Mondiali IMMAF 2014 (Record pro) 84 Kg (9-0-0)

Record dilettanti 24-5

La storia di come sia nato l’amore di Alessio per le arti marziali miste e di quanto sia stato importante il football americano nella sua vita fino a quel momento, e magari lo sia ancora, vogliamo lasciare che sia lui stesso a raccontarlo. Vi rimandiamo solo alla fine dell’articolo per invitarvi a vedere alcuni video dei suoi incontri che siamo certi amerete, specie se conoscete e amate questa disciplina e vi invitiamo a seguirlo sulla sua pagina Facebook al seguente indirizzo: Alessio Di Chirico.


Ciao Alessio e grazie per averci risposto a questa intervista.

Prego. Grazie a voi.

Da giocatore di football americano a professionista delle arti marziale miste. Quando è iniziato questo duplice amore e com’è avvenuto il passaggio tra queste discipline?

Non sono arrivate insieme, a dire il vero. Il football è arrivato in un momento molto difficile della mia vita, mi ha salvato da tanti errori che si fanno in momenti del genere, è stata la mia redenzione. Mi ci ha portato il mio amico Giovanni Pinelli perchè servivano linee per il campionato under 23. Sono da subito entrato a far parte della squadra ed è stato incredibile come nel giro di pochi mesi sentivo come di avere, così presto, una seconda famiglia su cui poter fare affidamento.

Parlando di sensazioni, fondamentali per uno sportivo, cosa risponderesti se ti chiedessimo di tentare un paragone su come ti fanno sentire questi due sport?

Beh sono due sensazioni simili, ma diverse. Simili perché la sensazione che viene dopo il “fight” dell’arbitro nelle MMA, e quella che senti dopo il primo movimento della palla nel football è la stessa: una frenesia in cui il tuo corpo sembra muoversi di sua spontanea volontà più velocemente e più forte che può. Diversa, perché negli sport di squadra hai la possibilità di appoggiarti ai tuoi compagni e a volte c’è chi ci si nasconde nelle retrovie, mentre nelle MMA non si ha questa possibilità durante un incontro.

Ti abbiamo seguito in molti dei tuoi incontri e ti abbiamo visto portare a terra i tuoi avversari altrettante volte. Da profani non possiamo non chiederti: ti è capitato di ritrovare dei movimenti del football americano nel combattimento?

Sicuramente il placcaggio da football assomiglia molto al double leg testa dentro (una presa alle game che mira a portare atterra l’avversario, ndr.) nelle MMA; tuttavia la cosa più utile che mi ritrovo dalle mie esperienze da backfield è il footwork nella fase di striking (una complessa combinazione di movimenti interconessi, ndr).

Sentendoci sentimentali ti chiediamo: ti manca mai il football americano e in che rapporti sei rimasto con i tuoi ex-compagni di squadra dei Grizzlies Roma?

Devo ammettere di si, è stata una scelta difficile quella di smettere di giocare e ogni tanto mi viene ancora voglia di rimettermi casco e armatura e andare a prendere a calci nel sedere quella pippa di Giacomo Insom (DE dei Grizzlies Roma e della Nazionale Italiana, ex-compagno di squadra di Alessio, ndr.). Sono rimasto in buoni rapporti con la squadra e ancora oggi alcuni dei miei ex compagni sono tra i miei migliori amici.

Le soddisfazioni che stai avendo con l’MMA sono tante ed importanti. Oggi quanto è grande il tuo sogno e cosa vedi per il tuo futuro?

In realtà i miei sogni preferisco tenerli nel cassetto, per adesso mi basta riuscire ad essere uno sportivo professionista e di continuare a fare questo nella vita.

Grazie per aver accettato la nostra intervista e in bocca al lupo per i tuoi prossimi impegni!

Crepi e in bocca al lupo anche a voi. Un ringraziamento a tutta la redazione di IFL Magazine per l’opportunità.


L’oro di Alessio al Mondiale IMMAF di Las Vegas


 

L’ultima vittoria di Alessio al FEN di Wroclaw

Per le foto ringraziamo il cortese Ufficio Stampa della Hung Mun









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo [email protected], al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Luca Correnti, Tony Federico, Ganci, Andrea Ghezzi, Simone Mingoli, Andrea Mirenda, Rendall Narciso Grafica: Paolo Re, Battista Battino Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Coordinatore IFL Mag TV: Andrea Ghezzi Contenuti Video: Andrea Ghezzi, Andrea Gaia Re Coordinatore IFL Mag Radio: Andrea Ghezzi Contenuti Radio: Andrea Ghezzi, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Luca Correnti, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: [email protected]

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top