IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Banana Republik

Banana Republik e l’evento dell’anno insieme a IFL

Gironi Banana Republik Novità i numeri opinioni Bananatale Freddo temperature scimmiette miti repubblicani banana ranking Awardszs ragazzi pubblicità comparativa

Finalmente è arrivato! L’evento più atteso, per noi appassionati della BFL è alle porte e non potevo esimermi dal parlarne. Qui a Banana Republik il popolo dello sferoide prolato (cit) è pronto ad invadere il Bananodromo per una tre giorni di Football che si preannuncia scoppiettante… Almeno sul campo.

Come promesso dal nostro Presidente Erik Mabelz, l’impegno di questi primi sei mesi di presidenza sarebbe stato rivolto tutto all’atto finale del campionato, unico evento ad oggi vendibile al grande pubblico, con la volontà, come vi avevo raccontato nel nostro primo incontro, di portare l’IFL qui da noi. Ora non so se la vostra lega sbarcherà sul terreno del Bananodromo e nel caso in quale  veste, ma non posso non raccontarvi quanto fatto fino ad ora da una organizzazione che, come leggende narrano, sia al lavoro per questo evento da un anno.

Prova provata ne è il logo realizzato per il Super Bowl, che dimostra come i grafici a cui è stato commissionato il lavoro siano degli evidenti esperti di bananaArt e che oltre ad aver realizzato le locandine “sparse per tutta la città” abbiano trovato il tempo di realizzarne una identica per sponsorizzare “l’usa e getta festival” (evento collaterale al Super Bowl con il “main event” sabato alle ore 20… sembrerebbe), a testimonianza della programmazione e dell’attenzione nel lavoro svolto… Sito internet meravigliosamente identico a quello dello scorso anno; come biasimarli, squadra che vince non si cambia! Nemmeno il sito.

Ma il coup de theatre è stata la comunicazione della diretta TV. Dopo averci tenuti tutti sulle palme, ha trovato l’accordo per poter dare la giusta visibilità ad un evento così importante. Canale conosciuto, commentatori eccezionali – grande Sancho Gancho – ma l’impossibilità di vedere la partita fuori dei confini repubblicani (salvo che all’ ultimo arrivi lo streaming oltre che la diretta TV). Lo so… È una fissa, un po’ come quella della matematica, ma perché “limitare” la visibilità dell’evento quando ci sarebbe stato tutto il tempo per organizzare una trasmissione banana wide? Ok, si era parlato di portare la IFL (e forse manco quello) da noi (e non la BFL fuori) ma non potendo vendere il nostro prodotto non sarebbe stato meglio offrire, a tutti, la possibilità di seguire l’evento?

Tanto per fare un confronto con i nostri cugini mangia-formaggio; non più tardi di quindici giorni fa hanno trasmesso in streaming la finale del loro campionato confermando la tendenza, della Vecchia Repubblica, di cercare canali diversi da quelli tradizionali (TV) per la trasmissione degli eventi più importanti con il solo obbiettivo di raggiungere il maggior numero di tifosi. Se è vero, come è vero, che il Bananodromo è l’impianto più affascinante che abbiamo, tanto che anche voi della IFL, che avete gli stadi più belli del mondo, sognate una volta nella vita di segnare un TD sul sintetico del Banano, perché non cogliere l’ occasione per mostrarlo con il “casco di banane della Domenica”?

La cosa paradossale, se non fossimo a Banana Republik (e poi chiudo), è che le altre finali (LEBAF, CBF9 e CBAF), saranno trasmesse tutte in streaming grazie alla collaborazione nata tra l’organizzazione del Super Bowl, BFL Mag ed anygivenchiquita e che quindi, “potenzialmente”, potrebbero avere maggior seguito (numericamente parlando) di quella che dovrebbe essere LA PARTITA! Non accadrà, ma il solo fatto che ci sia un bacino d’utenza (teorico) maggiore per le finali “minori” dovrebbe far riflettere.

Chiaramente amici, tra il non vederla e quanto è stato fatto ce ne passa e questo va riconosciuto, ma da chi diceva di voler far adottare  il nostro Super Bowl, quasi fosse un cucciolo di scimmietta, a voi maestri del gioco mi sarei aspettato scelte più coraggiose e (magari) una maggiore attenzione alla “comunicazione”. Dettagli? Può essere, ma in un momento storico in cui si dice di voler rilanciare il movimento possono fare tutta la differenza della Repubblica.

Ci vediamo al Bananodromo!









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo [email protected], al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Grafica: Battista Battino, Paolo Re Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Fotografi del football italiano Coordinatore IFL Mag Radio: Simone Mingoli Contenuti Radio: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: [email protected]

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top