IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Division I

DIV I, vittorie in trasferta e finale di Coppa

DIV I

Non possiamo dire che il bye week 4 di DIV I non abbia portato delle sorprese con due vittorie in trasferta nelle tre partite disputate.

Cominciamo con la partita di Torino tra i Giaguari e gli UTA Pesaro. I torinesi si presentano senza Rubenzer in cabina di regia, ma grazie alla forza e alla tenacia di Fabiano Hale si portano in vantaggio nel primo quarto. Chi se non Germany si incarica di pareggiare l’incontro nel secondo quarto, ma ci pensa un bellissimo ritorno di kickoff di Seck a riportare in avanti i Giaguari. La combo Germany – Frazzetto riporta in parità per la seconda volta l’incontro, ma è sempre Hale a dare il vantaggio ai torinesi all’intervallo.

Nel secondo tempo una corsa di Morelli aumenta il vantaggio dei Giaguari a due touchdown, ma un azione Fiordoro – Germany riporta a meno 7 UTA. Nel quarto quarto Morelli subisce due intercetti l’ultimo dei quali permette ai marchigiani a Frazzetto di segnare il secondo touchdown di giornata. Calcio per il pareggio? No, UTA gioca alla mano e una corsa di Germany porta una incredibile vittoria per la squadra di Pesaro 29 a 28.

Con le due vittorie contro Lions e Giaguari UTA ha raddrizzato una stagione che sembrava segnata ed è molto vicina ad una salvezza che avrebbe dell’incredibile. I Giaguari invece patiscono l’ennesimo infortunio della stagione (Rubenzer in campo nel finale su una gamba sola) e si giocheranno la salvezza contro i Lions tra due settimane.

A Firenze i Guelfi ospitano i Dolphins Ancona che raggiungono la prima vittoria in trasferta della stagione. Dopo un primo quarto di studio sono i Dolphins a portarsi in vantaggio grazie ad una safety della difesa su punt bloccato e con due corse di Fellonte Misher ampliano il vantaggio. Nessuna risposta dell’attacco gigliato e il punteggio all’intervallo dice Dolphins avanti 14-0.

Nella ripresa si svegliano Dawson e compagni ed una ricezione di Bemmo Pogo dimezza il vantaggio degli ospiti che riescono a mettere un field goal con Brancaccio a inizio quarto quarto. Dawson per Vannucci, trasformazione buona e partita che si riapre e ai Dolphins appaiono i fantasmi delle sconfitte all’ultimo contro Lions e Ducks. Questa volta però ci pensa Bugatti che intercetta Dawson nel drive decisivo permettendo ai suoi Dolphins di vincere la terza partita del campionato per 17-14.

I Guelfi sono in caduta libera, dal primo posto dopo 4 partite si ritrovano adesso quinti con i Ducks ad una partita. I Dolphins Ancona con questa vittoria tengono in vita le speranze playoff, ma serviranno due vittorie nelle ultime due partite contro UTA e Giants.

Al Lanfranchi di Parma i Panthers battono i Ducks Lazio 45-28 dopo un primo quarto da paura. Ducks subito in vantaggio con uno showel pass per Migliozzi che porta avanti i laziali. Monardi per Durham (sarà una costante della partita) e Panthers che si riportano avanti col punteggio e coppia che si ripete dopo un intercetto per il 14-6. I Ducks non ci stanno e pareggiano grazie a un touchdown pass di Fortune per Biancalana con conseguente trasformazione da due, anzi si portano addirittura in vantaggio ricoprendo prima un onside kick con Scaperrotta e poi con una ricezione in traffico di Rinaldi e successiva corsa per il touchdown del 22-14 che chiude il primo quarto. Il secondo quarto sarà un monologo delle pantere che segneranno tre touchdown con McMakin (ritorno di intercetto), Durham (passaggio di Monardi) e Finadri (sempre pass di Monardi). 35-22 il punteggio all’intervallo per i Panthers.

Nel terzo quarto una sola segnatura a referto, sempre per i padroni di casa, con una corsa di Malpeli Avalli. Nel quarto quarto un field goal aumenta il divario tra le due squadre prima che il touchdown finale di Marenda che riceve in endzone per il 45-28 finale.

A parte un primo quarto problematico soprattutto in difesa i Panthers dimostrano di essere un livello sopra a questi Ducks che dovranno difendere il sesto posto che vale i playoff con le unghie e con i denti.

Sabato sera al Breda di Sesto San Giovanni i Seamen Milano hanno strabattuto i Black Panthers di Thonon les Bain 49-3 e si sono qualificati per la finale della European Football League che si disputerà nel weekend del 9/10 giugno speriamo in Italia.

Che dire della partita? Prova di forza dei milanesi in attacco e difesa. i Black Panthers (ricordiamo che sono 7-1 nella prima divisione francese) sono stati annichiliti in tutti e tre i reparti in cui si divide il gioco del football america. Paul Morant apre le danze riportando in touchdown il primo kickoff della partita facendo subito capire quale sarà il tono dell’incontro. Nel primo quarto arrivano gli unici tre punti per i francesi con un field goal di Alexandre a cui risponde subito un bellissimo touchdown pass di Zahradka a Di Tunisi. Secondo quarto con lo Zar sul trono che distribuisce palloni a destra e sinistra: ancora Di Tunisi e due volte Mitchell portano il punteggio sul 35-3 all’intervallo.

Nel secondo tempo i Seamen decido di controllare il cronometro e dar spazio a tutti i giocatori a roster portando in meta per la terza volta Di Tunisi e Piccinni che recupera un fumble e percorre tutto il campo per il 49-3 finale. In attacco il gioco aereo è stato facilitato dalle corse di Bonaparte e da due chiusure di down di potenza di Zahradka. In difesa prestazione superba di tutti i reparti con un front seven che ha concesso poco e niente alle corse dei Black Panthers e una secondaria con un Hawtorne in più che ha annullato il gioco aereo delle pantere nere.

I Seamen si qualificano quindi per la finale che sarà contro i Calanda Broncos o i Potsdam Royals, speriamo allo Stadio Breda!

Per chiudere non possiamo non citare l’amichevole internazionale dei Rhinos Milano che a Limbiate hanno affrontato la Spartans di Case Western Reserve University. Gli americani si impongono 41-6 in una partita che ha permesso ai milanesi di far fare esperienza a tutti i giocatori a roster.









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo [email protected], al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Grafica: Battista Battino, Paolo Re Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Fotografi del football italiano Coordinatore IFL Mag Radio: Simone Mingoli Contenuti Radio: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: [email protected]

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top