IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
News

Ten Points Lead #12, Nazionali amatoriali in partite classiche

Ten Points Lead

Benvenuti a Ten Points Lead, l’unica rubrica che si schiera a favore delle Nazionali inventate, delle partite classiche e dell’eliminazione dei numeri arabi dal sistema decimale italiano.

1)Come si può definire Rhinos-Giants? Ci penso io. Una brutta partita, con una brutta telecronaca e ref che hanno inciso parecchio. Soprattutto sul finale, quando non considerano catch la palla persa da Napolitano e poi ricoperto da Arioli. Da lì in poi ci ha pensato il buon Ellison, più imprevedibile del meteo, e la non-difesa dei Rhinos a permettere a Bolzano di portarla a casa.

1bis)Quando parlo di non-difesa mi riferisco al fatto che il playcalling dei Giants dell’ultimo quarto fosse: corsa centrale di Petrone, corsa centrale del QB. E se lo sai, e non lo fermi mai, puoi avere anche la difesa dei Chicago Bears, perdi.

2)Ora per i Rinoceronti è durissima. Per andare ai playoff devono vincerne una tra Seamen e Panthers, oppure sperare negli incroci positivi. E la nostra esperienza ci dice che dal momento esatto in cui non sei padrone del tuo destino, molto probabilmente perderai. 

3)Di riffa o di raffa, Bolzano agguanta il terzo posto. Non senza patemi, soffrendo troppo e, almeno per ora, senza cancellare i dubbi che li perseguitano da inizio stagione. Ci vuole altro per battere i Seamen.

3)Marinai che passeggiano meno di altre volte, però passeggiano, contro i Ducks Lazio. Al momento i dubbi su questo campionato sono pochi. Anche perché chi dovrebbe crearli si spegne con una certa costanza.

4)I Ducks forse non andranno ai playoff, ma tranne i marziani in blue navy sono la squadra che meglio si sta comportando in queste ultime giornate. Mettiamola così, chi parlava di Superbowl ad inizio anno forse ha sparato troppo alto. Ma la sensazione è che il percorso sia quello giusto, basta proseguirlo senza tirare i remi in barca al primo anno.

5)Bene i Panthers dai. Fanno la loro partita contro i Lions, la chiudono prima di subito e fanno giocare tutto il roster. E’ un buon segno per il futuro.

6)Bene i Lions dai. Fanno la loro partita contro i Panthers, si spengono prima di subito e fanno giocare tutto il roster (anche perché sono rimasti in 25). E’ un buon segno per il futuro.

6bis)Anche perché alla prossima ci si gioca la retrocessione contro i Giaguari Torino. E si tratta sostanzialmente del secondo spareggio per non retrocedere in 3 anni. Urge analisi per garantire un futuro proseguibile, onestamente vorrei sentire parlare qualcuno della dirigenza bergamasca. Una stagione da dimenticare ci sta, ma è fondamentale per il nostro movimento che le squadre top comunichino cosa hanno intenzione di fare per rimanere sul pezzo.

7)Intanto è nata la Nazionale IAAFL. E li ringrazio perché non sapevo che IAAFL esistesse ancora.

8)Del Blue Team ancora nulla. Niente. Nada. Zero. Quando vi sentite pronti.

9)Come pronosticato precedentemente, l’assurda decisione di fare una giornata in più con le sfide cosiddette “classiche” inciderà non poco sulla classifica finale. Non tanto per le teste di serie (Seamen, Panthers e Giants sono sostanzialmente già certe), ma piuttosto per l’accesso ai playoff. Pensiamo ai Rhinos che si devono beccare i Seamen due volte, mentre i Dolphins (per esempio) incontrano UTA. Ora, con tutto il rispetto, non è la stessa cosa. E se mi riguardasse di certo mi girerebbero i maroni.

10)Per fortuna gioco in Seconda Divisione dove il proprio futuro si conosce grazie ad un buon samaritano (Ave Giorgio Sivocci), che ogni domenica si mette lì a fare i calcoli ad uso e consumo di chi deve tentare di organizzare le trasferte. Sapendo che magari poi ti tocca di andare a Roma a concludere il tuo campionato. Mah.

Alla prossima settimana!









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo [email protected], al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Luca Correnti, Tony Federico, Ganci, Andrea Ghezzi, Simone Mingoli, Andrea Mirenda, Rendall Narciso Grafica: Paolo Re, Battista Battino Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Coordinatore IFL Mag TV: Andrea Ghezzi Contenuti Video: Andrea Ghezzi, Andrea Gaia Re Coordinatore IFL Mag Radio: Andrea Ghezzi Contenuti Radio: Andrea Ghezzi, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Luca Correnti, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: [email protected]

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top