IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
USA Football

USA Football: 4 caratteristiche di un buon capitano

Enrico Brazzi, USA Football

 

Articolo originale: 4 traits of being a good captain from the classroom to the field
di Annamarie Blanco (www.usafootball.com)
Traduzione italiana a cura di Enrico Brazzi


Senso dell’onore, capacità di restare concentrati sull’obiettivo, dignità.

Questi sono solo alcuni dei valori che gli allenatori cercano nei propri capitani. Anche se alcuni potrebbero pensare che diventare capitano rappresenti un punto d’arrivo, il lavoro del capitano non finisce mai.

Ispirando e motivando i compagni dentro e fuori dal campo, un vero capitano possiede capacità da leader e grande dedizione, oltre a dare il buon esempio.

Secondo Aaron Brady, head coach della Nazionale Under 19 degli Stati Uniti, campione del mondo nel 2014, e della Malvern Prep High School in Pennsylvania, ecco cosa rende grande un capitano.

Prima la squadra

Un vero capitano pensa prima alla squadra e poi a sé stesso. Deve fare in modo che ogni giocatore si senta importante. “Ci aspettiamo che i nostri capitani mettano la squadra al primo posto”, spiega Brady, “Un giocatore da solo non può far funzionare uno schema, servono anche gli altri 10 compagni. E lo schema non può funzionare se tutta la squadra non si impegna durante gli allenamenti.”

Dedizione

Il vecchio detto “Da grandi poteri derivano grandi responsabilità” vale anche per i capitani. Una delle caratteristiche più importanti di un buon capitano è la capacità di dare il buon esempio. Avere buoni voti, mantenersi su standard elevati ed essere capaci di organizzare gli impegni sono alcuni dei modi di mostrare il proprio valore. “Essere un capitano richiede altruismo e umiltà”, continua Brady, “Ad allenamento, il capitano è il primo ad arrivare e l’ultimo ad andarsene. Prima di andarsene, si assicura che il materiale sia stato riposto e che tutti abbiano trovato un passaggio per tornare a casa.”

Linguaggio del corpo

Comportarsi correttamente fuori dal campo e utilizzare il giusto linguaggio del corpo in campo è un modo per trasmettere i valori della squadra. “Dico sempre che se i nostri giocatori più esperti e i nostri migliori atleti sono quelli che lavorano di più, avremo una stagione vincente”, specifica Brady, “È importante capire il linguaggio del corpo e comprendere come affrontiamo i problemi. Quando un giocatore commette un errore, come reagite? Noi pensiamo alla prossima azione. Quando uno dei nostri compagni sbaglia, come reagiamo? Lo rimproveriamo verbalmente e lo demoralizziamo o gli spieghiamo dove ha sbagliato e come fare la cosa giusta?”

Non conta solo il talento

Non si diventa capitani solo per quello che si fa in campo. Quello che accade fuori dal campo ha un impatto molto più importante e più longevo sulla capacità di motivare un gruppo di giocatori. “Si viene votati capitani perché si è leader dentro e fuori dal campo”, conclude Brady, “Essere capitano non ha niente a che fare con il talento, ma con l’impegno e l’umiltà di una persona. I giocatori più giovani hanno bisogno di un punto di riferimento, qualcuno che dia un’impronta alla squadra con le proprie azioni.”

Un grande capitano è il giocatore che si impegna di più, che ottiene buoni voti in classe, migliora in campo e nel frattempo aiuta i compagni a fare lo stesso.

Hai quello che ci vuole per diventare grande?


Foto di copertina: Lorenza Morbidoni

 









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo [email protected], al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Grafica: Battista Battino, Paolo Re Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Fotografi del football italiano Coordinatore IFL Mag Radio: Simone Mingoli Contenuti Radio: Simone Mingoli, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Marc Taccone, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: [email protected]

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top